sconfinati
Famiglia Basheer

La storia della famiglia Basheer: dalla Siria alla Serbia

Omama, 8 anni, ha nostalgia di casa. Suo padre Khaled Basheer le dice: "Come puoi sentire nostalgia di casa quando una casa non c’è più?" Le sue parole, in qualche modo, vengono ben intese, ma la verità fa poco per consolare la figlia.
I Basheers sono una famiglia di sei persone proveniente dalla Siria. Il loro appartamento è stato completamente distrutto da una bomba. La famiglia è sopravvissuta. "Ma possiamo dire che siamo stati davvero fortunati", ha detto Khaled. "Da quel momento in poi abbiamo dovuto vivere in una tenda alla periferia della nostra città natale Aleppo. Per più di un anno. Ed eravamo spaventati ogni singolo minuto, ogni giorno e ogni notte".
I Basheer hanno avuto paura delle bande criminali che si aggiravano tra le periferie e i villaggi. Erano spaventati dai tantissimi attacchi, essendo esposti ai rumori delle esplosioni e degli spari quasi ogni giorno. "Abbiamo avuto anche molta paura di un attacco da parte dello Stato Islamico. Abbiamo sentito di storie orribili di come crudelmente i suoi membri uccidono persone innocenti e stuprano donne e ragazze", dice. Khaled e sua moglie Jayal hanno tre figlie e un figlio. Ora sono tutti - due settimane dopo che sono fuggiti dalla Siria - in un campo profughi nel nord della Serbia, nel campo profughi di Vasariste in Kanjiza, vicino al confine con l'Ungheria. Jayal presenta i suoi figli: "Questo è nostro figlio Mohamed di nove anni. Omama ne ha otto, Ronya due anni e mezzo e il bambino in braccio ha soli sei mesi. Si chiama Joud".
Omama vuole parlare con me. "Il suo nome suona un po’ come il nome del presidente degli Stati Uniti", ha detto Jayal Basheer. Omama appare curiosa appena sente parlare in una lingua per lei strana. "Questo è il luogo dove vogliamo andare", ha detto. "Papà ha promesso che lì avremo una bella casa. E ha detto che ci saranno persone buone”.
Khaled ha detto "Questo è il modo in cui cerco di consolarla. Spero molto sinceramente che funzionerà e in Germania avrò immediatamente un lavoro. Sono abituato a lavorare molto. Sono un operaio di un cantiere edile. E ho urgente bisogno di soldi. Sai, ho preso tutti i soldi in prestito per il nostro volo dalla Siria e devo saldare il mio debito. E siamo già a corto di soldi perché i trafficanti di essere umani hanno preso quasi tutto".
La traversata del mare dalla Turchia è durato solo circa 40 minuti, ma è costato 5.000 dollari. Khaled e sua figlia Ronya non erano nemmeno sulla barca. Era così affollata che non c'era spazio per loro.
Khaled è un uomo alto, robusto e con le spalle larghe. E’ forte e resistente. Altrimenti non sarebbe riuscito in quello che ho trovato difficile da credere quando mi dice: "Stavo nuotando accanto alla barca, con Ronya che mi cingeva le sue braccia intorno e aggrappando la testa al mio collo. Era un gommone e procedeva molto lentamente. Così ho potuto tenere il passo. Se questo non avesse funzionato, Jayal e gli altri bambini ci dovevano aspettare a riva in Grecia".
Omama era, come mi dice, spaventata tutto il tempo, preoccupata per il padre e preoccupata che la loro barca sarebbe potuta affondare. "Il mio papà è fortissimo", dice con orgoglio. "Quando siamo andati dalla Siria alla Turchia, abbiamo attraversato colline e montagne. E la maggior parte del tempo portava in spalle Joud e Ronya in un grande zaino. E a volte ha portato anche me".
"Ma ora sono davvero molto esausto. Camminare e nuotare e viaggiare in tali condizioni che mettono in pericolo di vita, mi ha distrutto. E 'stato così duro e pesante. Credimi, non puoi immaginare".
I Basheers bevono un po 'di succo di frutta che viene distribuito nella tenda. "Siamo rimasti a corto di denaro", ha detto Khaled. "Siamo così grati che le organizzazioni umanitarie come la Caritas forniscano a noi rifugiati qui ciò di cui abbiamo maggiormente bisogno".
Ci sono tre campi per rifugiati in Serbia, uno a Preshovo al confine con la Macedonia, uno nella capitale Belgrado e uno a Kanjiza al confine ungherese. Caritas Serbia - sostenuta dalle Caritas degli Stati Uniti (CRS), della Germania e di altri paesi - sta distribuendo acqua potabile e succo di frutta ai rifugiati lì, fornisce assistenza medica e supporto legale.
"Ci sono persone buone qui", ha detto Omama. "Come ha promesso papà. Ha sempre detto che in Europa ci sarebbero state persone buone e che lui avrà un buon lavoro e una bella casa nuova per noi".
I Basheers fanno le valigie. Sono in procinto di partire come un autobus si avvicina che li porterà al confine ungherese.
giulia

KOSOVO / 20.02.16

LA STORIA DI GIULIA
nana

SID / 04.02.16

LA STORIA DI NANA
milica

PRESEVO / 07.02.16

LA STORIA DI MILICA
sostieniIl diritto di rimanere nella propria terra