sconfinati
Mohammad

La storia di Mohammad: dall'Afghanistan alla Serbia

Mohammad (43 anni) è fuggito dal suo villaggio in Afghanistan dopo un grave pestaggio da parte dei combattenti talebani. Da allora vive nella paura.
"Lo scontro stava accadendo tutti i giorni. I talebani stavano arrivando al mio villaggio e quando sono arrivati hanno ucciso e ferito persone", dice Mohammad." Tre anni fa i talebani costituivano un gruppo più piccolo. Ma sei mesi fa sono diventati più attivi".
Tra le atrocità quotidiane che accadevano intorno a lui, Mohammad ha lavorato in un ospedale locale come infermiere per i malati e i feriti. Questo fino a quando non è divenuto anche lui un paziente di guerra.
"I talebani hanno detto che mi avrebbero ucciso se non fossi andato e avessi combattuto per loro. Circa due mesi fa sono arrivati e mi hanno picchiato, mi hanno dato calci e colpito con degli oggetti. Mi hanno picchiato con le mani, i piedi, le gambe", dice, indicando i loro movimenti. "Ho dovuto sottopormi a un intervento alla schiena dopo e ora si possono vedere le cicatrici", rivelando una linea di punti sulla schiena. "Dicevano che dovevo combattere per loro, ma ho detto di no."
Mohammad è arrivato al centro di registrazione dei rifugiati di Presevo al confine tra la Serbia e la Macedonia alle 6 del mattino, dopo un viaggio attraverso l'Iran, la Turchia, la Grecia e la Macedonia. Gli ci sono voluti 43 giorni per arrivare in Serbia. Non ha avuto altra scelta che lasciare la sua famiglia in Afghanistan, e sembra visibilmente turbato quando parla di averla lasciata a casa.
"Ho viaggiato in macchina, a dorso di mulo, a piedi, e in nave dalla Grecia. La mia schiena è dolorante e non posso camminare a lungo. Mi sento stanco ma non posso restare qui".
Caritas Serbia sta fornendo cibo di prima necessità e kit d'igiene per le persone come Mohammad che arrivano al centro di registrazione dei rifugiati di Presevo sul loro cammino verso l'Europa per sfuggire dalla guerra.
sergio

MILANO / 12.02.16

LA STORIA DI SERGIO
midiia

PRESEVO / 02.11.15

LA STORIA DI MIDIIA
basheer

VASARISTE / 15.09.15

LA STORIA DELLA FAMIGLIA BASHEER
sostieniIl diritto di rimanere nella propria terra