sconfinati
sconfinati_storie

In fiera hai letto l'inizio...scopri com'è andata a finire

Anis, Afghanistan
Progetto migratorio: Europa

Mi chiamo Anis, ho 23 anni e vengo dall'Afghanistan.
Sono uno studente di scienze sociali, o meglio, lo ero. Sono dovuto fuggire e ho dovuto lasciare la mia formazione.
Tre mesi fa, quando ho lasciato la mia famiglia, mia madre e mio padre piangevano. Sono anziani e non lavorano. I miei fratelli lavorano per aziende europee, ma i talebani continuano a dir di lasciare il loro posto di lavoro. Io non avevo nessuna intenzione di rispettare i talebani. Hanno distrutto il nostro paese, la nostra formazione, tutto.
Ho viaggiato per tre mesi attraverso l'Iran e la Turchia. Ho passato giorni a dormire all'aria aperta, a volte senza cibo né acqua. Quando abbiamo viaggiato attraverso il confine attraverso l'Iran, ci hanno sparato contro. Un ragazzo è stato ferito e è dovuto rimanere indietro nelle montagne.
Ho viaggiato anche a dorso di mulo, a piedi, e infine sono arrivato a prendere una barca per la Grecia.

Dalla Grecia sono ripartito, nascosto dentro un camion che trasportava arance. Alla fine, con i miei compagni di viaggio, siamo arrivati in Italia. Ognuno ha il suo desiderio. Io, se Allah vuole, andrò in Belgio. E se arriverà la pace tornerò a casa.

Torna alla pagina delle storie


sostieniIl diritto di rimanere nella propria terra